Stampa
Visite: 1663

Ecoreati nel codice penale, domande e risposte

 
Ecogiustizia è fatta, nel nostro codice penale compaiono per la prima volta i delitti ambientali.
Una vittoria storica, ora chi inquina pagherà. Vediamo come
 
 

Il 19 maggio 2015 il Senato ha approvato il Ddl 1345 B. Con questa nuova legge la storia italiana delle vertenze ambientali impunite è finalmente chiusa.

Ora nel Codice penale italiano, obiettivo che Legambiente persegue dal 1994, è entrata finalmente la parola ambiente: i principali reati ambientali,

fino a ieri considerati contravvenzionali - e quindi di serie B - d’ora in poi saranno considerati veri e propri delitti.

Una riforma che è il frutto di un percorso tortuoso, lungo e faticoso. Non è una riforma perfetta ma costituisce un ottimo punto di partenza,

un cambiamento culturale e di civiltà, necessario e troppo atteso, che finalmente consacra anche nel nostro Paese l'ambiente come un bene comune da preservare.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information