Visite: 655

Orto e giardino: dieci fertilizzanti naturali per curarli al meglio

 

Avere un orto o un giardino perfetto non è da facile, soprattutto d’estate. Per ottenere una resa ottimale non è necessario acquistare antiparassitari e fertilizzanti chimici, ma è possibile utilizzare degli alimenti casalinghi da riutilizzare per permettere alle vostre piante di crescere al meglio, nel rispetto dell’ambiente circostante.

Fertilizzare l’orto o il giardino vuol dire migliorare la capacità produttiva delle piante, fornendo una quantità di sostanze nutritive adeguata ed equilibrata.

Uova, gusci

 

Il miglior fertilizzante naturale è il letame, ma nelle dispense o nelle pattumiere casalinghe ci sono tanti prodotti di scarto che possono dare uno sprint alle nostre piante.

  1. Bucce di banana – Non buttate le bucce delle banane che, come i frutti, sono ricche di potassio e possono fornire alle piante un’integrazione importante. Per utilizzarle potete tritarle in pezzi minuscoli e sistemale ai piedi delle piante da sottoporre al trattamento. Se invece volete un fertilizzante più potente, spezzettatele e mettetele in un recipiente con un po’ d’acqua, facendole riposare per qualche settimana, in modo da farle fermentare. Poi distribuite il succo sul terreno dell’orto o spruzzatelo sulle piante prescelte.
  2. Lievito di birra – Grazie alle vitamine del gruppo B, il lievito di birra è un’ottima soluzione per stimolare la fioritura di molte piante, in particolare per le rose. Per utilizzarlo al meglio è necessario sciogliere tre cucchiai di lievito in dieci litri d’acqua con cui poi annaffiare il giardino.
  3. Vino rosso – Ricco di sali minerali, il vino rosso è uno strumento utile per rendere più fertile la terra in generale. Una volta terminata una bottiglia non buttate via il fondino, ma mischiatelo con altra acqua e versatelo sul terreno in modo da stimolare un’abbondante fioritura.
  4. Acqua di cottura delle verdure – Utilizzare l’acqua di cottura delle verdure vi permetterà di evitare uno spreco in termini di risorse e di ottenere un ricostituente importante per le piante. Il liquido che rimane dopo la bollitura è ricco di sali minerali e altre sostanze nutritive. Potete utilizzarlo per innaffiare basta evitare di salare l’acqua prima della cottura e assicurarsi di conservare il liquido di scarto in contenitore ben chiuso e in un luogo asciutto.
  5. Alghe – Se le utilizzate in cucina, o vivete in un posto di mare che ne è ricco, potete tenerne da parte una modica quantità per fertilizzare l’orto. Il procedimento è simile a quello del macerato di ortica. Dopo averle risciacquate versate le alghe un contenitore pieno d’acqua, copritele e lasciatele riposare per due mesi. Il macerato ottenuto dovrà poi essere diluito con dell’ulteriore acqua e spruzzato alla base delle piante in modo da stimolare la produzione di fiori e frutti.
  6. Gusci d’uovo – I gusci d’uovo non sono solo un ottimo fertilizzante, ma anche un antiparassitario naturale. Per utilizzarle al meglio basterà ridurli in pezzi e metterli ai piedi delle piante per favorirne la crescita. In questo modo allontanerete anche lumache, bruchi e altri vermicelli che possono attaccare le foglie.
  7. Fondi di caffè – Anche i fondi dei caffè possono essere usati come concime naturale grazie all’azoto e agli antiossidanti che contengono. Possono essere aggiunti al compost o utilizzati da soli, spargendoli sul terreno. In questo secondo caso è bene fare a attenzione a non esagerare con le quantità per evitare di rendere il terreno troppo acido.
  8. Cenere – Se avete un camino in casa, non buttate la cenere prodotta. Oltre ad essere uno smacchiatore naturale la cenere di legno e fogliame, ma anche quella derivata dalla bruciatura del tabacco, contiene importanti sostanze nutritive per il vostro giardino. Mischiatela al terriccio in una proporzione che non superi il 30% di cenere rispetto alla terra e spargetela alla base delle piante da fertilizzare.
  9. Calendula e camomilla – Entrambe queste piante possono essere utilizzate per creare degli infusi fertilizzanti per l’orto. Se avete l’abitudine di consumare la camomilla potete tenere da parte i fiori già utilizzati, o i filtri confezionati, in modo da aggiungerli al terreno o al compost. Anche l’infuso di calendula è utile, in particolar modo per stimolare la crescita delle piante coltivate in vaso.
  10. Peperoncino – Ottimo come fertilizzante, ma anche come antiparassitario naturale, grazie alla potenza della capsaicina. Per utilizzarlo basta sciogliere circa 2 grammi di polvere di peperoncino in litro d’acqua e spruzzatelo sulle piante malate una tantum. Per casi di infestazioni gravi potete spruzzarlo anche una volta a settimana, agitandolo prima dell’uso.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information